Tuesday, June 20, 2006

Political Digression

Forgive me for abusing of this space to talk about an important matter of Italian politics.

Il 25 e 26 giugno siamo chiamati alle urne per uno dei più importanti voti della storia della Repubblica. Dovremo decidere se mantenere la nostra Costituzione del 1947, o se adottarne una nuova.

Questo è l'articolo 70 nella nostra Costituzione:

"La funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere."


Questo è l'articolo con cui verrebbe sostituito se la nuova Costituzione sarà approvata dal referendum:

"La Camera dei deputati esamina i disegni di legge concernenti le materie di cui all'articolo 117, secondo comma, fatto salvo quanto previsto dal terzo comma del presente articolo. Dopo l'approvazione da parte della Camera, a tali disegni di legge il Senato federale della Repubblica, entro trenta giorni, può proporre modifiche, sulle quali la Camera decide in via definitiva. I termini sono ridotti alla metà per i disegni di legge di conversione dei decreti-legge.
Il Senato federale della Repubblica esamina i disegni di legge concernenti la determinazione dei princìpi fondamentali nelle materie di cui all'articolo 117, terzo comma, fatto salvo quanto previsto dal terzo comma del presente articolo. Dopo l'approvazione da parte del Senato, a tali disegni di legge la Camera dei deputati, entro trenta giorni, può proporre modifiche, sulle quali il Senato decide in via definitiva. I termini sono ridotti alla metà per i disegni di legge di conversione dei decreti-legge.

La funzione legislativa dello Stato è esercitata collettivamente dalle due Camere per l'esame dei disegni di legge concernenti le materie di cui all'articolo 117, secondo comma, lettere m) e p), e 119, l'esercizio delle funzioni di cui all'articolo 120, secondo comma, il sistema di elezione della Camera dei deputati e per il Senato federale della Repubblica, nonché nei casi in cui la Costituzione rinvia espressamente alla legge dello Stato o alla legge della Repubblica, di cui agli articoli 117, commi quinto e nono, 118, commi secondo e quinto, 122, primo comma, 125, 132, secondo comma, e 133, secondo comma. Se un disegno di legge non è approvato dalle due Camere nel medesimo testo i Presidenti delle due Camere possono convocare, d'intesa tra di loro, una commissione, composta da trenta deputati e da trenta senatori, secondo il criterio di proporzionalità rispetto alla composizione delle due Camere, incaricata di proporre un testo unificato da sottoporre al voto finale delle due Assemblee. I Presidenti delle Camere stabiliscono i termini per l'elaborazione del testo e per le votazioni delle due Assemblee.
Qualora il Governo ritenga che proprie modifiche a un disegno di legge, sottoposto all'esame del Senato federale della Repubblica ai sensi del secondo comma, siano essenziali per l'attuazione del suo programma approvato dalla Camera dei deputati, ovvero per la tutela delle finalità di cui all'articolo 120, secondo comma, il Presidente della Repubblica, verificati i presupposti costituzionali, può autorizzare il Primo ministro ad esporne le motivazioni al Senato, che decide entro trenta giorni. Se tali modifiche non sono accolte dal Senato, il disegno di legge è trasmesso alla Camera che decide in via definitiva a maggioranza assoluta dei suoi componenti sulle modifiche proposte.
L'autorizzazione da parte del Presidente della Repubblica di cui al quarto comma può avere ad oggetto esclusivamente le modifiche proposte dal Governo ed approvate dalla Camera dei deputati ai sensi del secondo periodo del secondo comma.
I Presidenti del Senato federale della Repubblica e della Camera dei deputati, d'intesa tra di loro, decidono le eventuali questioni di competenza tra le due Camere, sollevate secondo le norme dei rispettivi regolamenti, in ordine all'esercizio della funzione legislativa. I Presidenti possono deferire la decisione ad un comitato paritetico, composto da quattro deputati e da quattro senatori, designati dai rispettivi Presidenti. La decisione dei Presidenti o del comitato non è sindacabile in alcuna sede. I Presidenti delle Camere, d'intesa tra di loro, su proposta del comitato, stabiliscono sulla base di norme previste dai rispettivi regolamenti i criteri generali secondo i quali un disegno di legge non può contenere disposizioni relative a materie per cui si dovrebbero applicare procedimenti diversi"



La nuova Costituzione modifica più di 50 articoli della Costituzione originale. Credo che questo articolo da solo sarebbe sufficiente per decidere quale delle due è migliore. La nostra Costituzione è elegante, essenziale, efficace. La si vuole sostituire con una cosa verbosa e incomprensibile, scritta come una leggina qualsiasi, in cui si fa riferimento all'articolo X comma Y lettera Z. E' una cosa vergognosa. Non si può. Non va bene. E' la nostra Costituzione, non è una leggina qualsiasi. E' il documento fondante della nostra Repubblica, un documento che un ragazzo della scuola media dovrebbe poter leggere e capire senza difficoltà.

5 comments:

TrevEB said...

Nicola,
Could we have an English translation? At least one of us thinks very highly of Italia

B. said...

Massimo rispetto. Poco fa qualcuno ha detto che chi vota "no" è indegno di essere italiano. Solo che questo qualcuno che l'ha detto era l'ex-premier. Prima di emigrare su Marte, voglio dare ancora una chance all'Italia e agli italiani - che probabilmente in questi giorni si sentono italiani più per il pallone che per la costituzione.

Massi cadenti said...

Pienamente d'accordo con te Nicola. La Costituzione non si tocca. Ci sono stati moltissimi uomini che sono morti per darcela e cambiarla in quel modo significherebbe buttare dalla finestra (per non dire peggio) la storia della Resistenza e di quelli che sono i nostri "padri fondatori", per dirla come dicono negli States.

Treveb: you can read the (automatic) translation of this post here: http://tinyurl.com/z5jng

El malo said...

Hi TrevEB,
My Italian is week like my English :) but the threat is "I think" it's about Italian's constituon changes.
One point of this threat is about states, most countries like mine have states, every state looks for their interest$, on Italy there are two kind of states the northen ones who are rich and southen ones who are less rich ;) there is a group called "the northen liga" (I'think basicly who don't they want to give money to south states).
Other points are the presidential balance of power and other minor thinks.
Basicly is the money tale and north-sourth tale. Only political stuff no benefit for citizens.The problem that Italy like my country some politicans are jackasses.
But the new president of Italy "as person" seems to be a serious and reliable man that a positive point.
Regards,

NoelG said...

Ce l'abbiamo fatta, e alla grande pure.
E dire che alla vigilia avevo quasi paura...